Metaverse Map: Ecology, Economy, Experience (Accoto 2022)

“Una mia prima mappa esplorativa e prefigurativa sull’orizzonte metaversale a partire filosoficamente da tre dimensioni chiave: identity, property, reality. 1. La costruzione delle identità/agentività video-grafiche e critto-grafiche, singole e comunitarie, antropiche e negantropiche dentro nuove tecnoecologie more-than-human (ecology), 2. le emergenti economie della creazione e della proprietà tra metadatafication, tokenizzazione dell’economia e assettizzazione del codice (economy), 3. l’inflazione simulativa, volumetrica e saturante delle realtà estese con il disegno delle nuove esperienze xr immersive (experience) … ” (Accoto 2022)

“1. Lavorare sui metaversi significa anche lavorare con profondità sui concetti di identità personale e sociale scavando nelle trasformazioni profonde che le nuove tecnologie producono nella costruzione, narrazione e attivazione del sé. Di fatto, i metaversi sono il nuovo laboratorio delle identità, delle agentività e delle im/possibilità identitarie (almeno quelle che si pretendono tali). In forme che non abbiamo conosciuto ed esperito prima. Per questo, occorre riuscire quanto prima a tornare (non acriticamente) sui nostri concetti tradizionali di soggettività e agentività per includere logiche, strutture, morfosi e dinamiche di soggettivazione, di identificazione, di agentificazione, di autentificazione, di profilazione nuove. Ragionando filosoficamente e ingegneristicamente di identità e di autenticità, di vite e di rappresentazioni del sé, ma oggi sempre più anche di wallet e di account, di avatar e di agenti, di profili e di persone (umane e oltreumane, naturali e sintetiche, videografiche e crittografiche, centralizzate, federate e/o distribuite, invisibili tanto quanto manifeste e influenti). Un primo shift da cui prendono le mosse Moeller e D’Ambrosio in ‘You and Your Profile. Identity After Authenticity’ -richiamando anche testi classici come quelli dell’antropologa Margaret Mead e del sociologo Erving Goffman-, è il passaggio epocale recente “dall’identità alla profilicità”. Una svolta tecnologica sospinta ulteriormente dall’adozione dei social media e, direi, accelerata in ultimo dall’attuale sperimentazione innescata dalle realtà estese e dai metaversi. Una revisione caotica e generativa quanto arrischiata e gravida di conseguenze attese e meno. Le sperimentazioni di brand e imprese nel metaverso non potranno eludere una riflessione strategica su questi orizzonti. Con una battuta, direi, la prolificità della profilicità ….” (Accoto, 2022 continua)

[Accoto, “Metanomie.Metaversi, Macchine, Mercati”, 2022 work in progress]

Il mondo dato in Cina

[news] Mi scrivono oggi dalla Cina bellissime notizie dopo la traduzione e la pubblicazione in lingua cinese del primo saggio (“Il mondo dato”) della mia trilogia pochi mesi fa. Sono onorato e super felice per questo grande interesse maturato in Cina per la trilogia e per la mia esplorazione tecno-filosofica arrischiata sulla filosofia della programmazione (“Il mondo dato”, 2017), sulla filosofia dell’automazione (“Il mondo ex machina”, 2019) e sulla filosofia della simulazione (“Il mondo in sintesi”, 2022). Un grazie sempre al prof. Alex ‘Sandy’ Pentland e al prof. Derrick de Kerckhove per l’apprezzamento, il supporto e l’incoraggiamento. E un grazie ancora alla casa editrice Egea. Altre sorprese sempre dalla Cina sono in arrivo. Intanto qui sotto trovate l’incipit della mia prefazione speciale all’edizione cinese …

Intanto qui sotto trovate l’incipit della mia prefazione speciale all’edizione cinese ..

Prefazione all’edizione cinese de “Il mondo dato”
di Cosimo Accoto
 
 “… era passato così poco tempo ma già non riconoscevo più il paesaggio” (Su Shi, Hou Chibi Fu)
 
Mapping the Unmapped
 
È per me un grande piacere oltre che un privilegio speciale presentare il libro ai lettori cinesi. Questo saggio è una mappa precaria e insicura di una terra non mappata, intrigante e intricata. La nostra planetarietà in evoluzione e le sue domesticazioni sono attualmente interessate da una straordinaria mutazione tecno-ontologica. In effetti, è passato poco tempo eppure non siamo più in grado di riconoscere il mondo che ci circonda. La mia esplorazione è un’incursione speculativa e prefigurativa in questo nuovo paesaggio in morfosi. Come per ogni cartografia di terre incognite, questo viaggio è fatto di pochi e veloci schizzi tracciati frettolosamente. Filosoficamente, segnalano potenziali domini di interesse teorico e provvisorie traiettorie ermeneutiche. Un sorprendente tecnoverso sta emergendo attraverso nuove forze e vettori ontologici (o ontogenetici). Questa mappa evidenzia cinque elementi generativi fondamentali: il codice, il sensore, il dato, l’algoritmo, il protocollo. Permettetemi qui di evocare (brevemente) questi territori inesplorati e i miei percorsi incursivi (… Accoto, continua)

Dell’abitare altri mondi (Accoto 2022)

[letture ferragostane] “Perchè non possiamo, allora, non dirci anche di altri mondi? Dal metaverso al cosmo, stiamo immaginando di poter vivere in nuovi ambienti estremi. Luoghi, cioè, le cui condizioni di abitabilità si producono per scardinamento delle fisiche e delle metafisiche finora familiari all’umano. Per queste emergenti esperienze, sarà necessario esercitare il pensiero e l’azione su missioni e orizzonti sorprendenti tanto quanto arrischiati. Chiediamoci, dunque: quali modelli di economia politica e di filosofia politica sono in costruzione oggi per questi altri mondi in virtù di questo abitare alieno che stiamo chiamando all’esistenza?” (Accoto 2022)

Di filologia e crittografia (Accoto 2022)

Nuovamente in onda ieri su RAI 1 ieri in seconda serata intervistato da Barbara Carfagna per un’altra puntata di Codice. Questa volta abbiamo parlato di nuove ere inflazionarie dei media, di sorprendenti regimi di verità e falsità, di simulazioni e sintesi, di avatar e wallet, di filologia e crittografia e dell’innovazione culturale necessaria ad affrontare con maggiore consapevolezza, tra rischi e opportunità, l’età d’oro della simulazione. Potete rivedere l’intera puntata su RaiPlay (e le mie altre due precedenti su metaverso e su cybersicurezza) e grazie di nuovo agli autori e alla produzione per questo invito e l’ospitalità calorosa!

 

Di dummy e avatar (Accoto 2022)

“Dai dummy analogici (tipo i manichini che usiamo per i crash test) agli avatar virtuali (come i nostri corpi digitalizzati nel metaverso): qual è, dunque, il lavoro culturale (economico, sociale, politico) svolto dai nostri proxy passati e da quelli futuri? Tra surrogazione e virtualità, quanto siamo pronti a questa nuova ‘invasione degli ultracorpi’? Il mondo dei manichini fisici non è stato un mondo perfetto (si discriminavano i corpi per genere, ad esempio). Il mondo degli avatar e dei gemelli digitali anch’esso non sarà perfetto. Il nostro compito è quello di ragionare filosoficamente e criticamente sul senso e sul valore delle nuove esperienze virtualizzate e delle soggettivazioni surrogate. Per poter orientare e costruire al meglio questa nuova terraformazione in corso” (Accoto, 2022)

Fiducia, sfiducia e rischio nella computazione (Accoto 2022)

Il tema del trust/distrust nella computazione e nella programmazione diventerà sempre più centrale e ineludibile per la nostra società, economia e politica. Dalla costruzione di una “trustworthy AI” anche robotica all’implementazione del “trustless protol” della blockchain, dalla pratica della “zero trust security” in cybersicurezza al monito del “trust-no-one” per media sintetici, deep fake e infowar alla realizzazione della futura “trusted” quantum internet, la civiltà digitale è chiamata con urgenza a immaginare filosoficamente e a costruire ingegneristicamente nuovi contratti e sistemi sociotecnici fiduciari, affidabili e sostenibili. La fiducia computazionale, dunque, sarà uno dei pilastri rilevanti della nuova terraformazione digitale del nostro presente/futuro e del nostro pianeta. Potremmo anche azzardare che, per la società, sarà il tema chiave. Al di là delle specifiche questioni (esplicabilità dell’intelligenza artificiale, immutabilità della blockchain, vulnerabilità nella sicurezza informatica, virtualità degli umani digitali e delle esperienze estese dentro i metaversi, novità paradossali dei simulatori quantistici) c’è la questione primaria e fondativa della fiducia nella computazione (trusted computing). Fiducia, cioè, che i sistemi (programmi, algoritmi, protocolli, dispositivi) si comportino in accordo con le nostre aspettative e per come dovrebbero comportarsi in una relazione fiduciaria tra parti, cioè con correttezza ed equità, in sicurezza e genuinità, tempestivamente e efficacemente, ecc. Che si tratti di fiducia implicita o esplicita, distribuita o ancorata, transitiva o intransitiva, sarà necessario affrontare e sciogliere le molte crisi (epistemiche, istituzionali, securitarie) causate da perdita di fiducia nella tecnologia. Trust e technology, dunque, nuovamente al centro. Come ri/costruire, allora, nuove forme di affidabilità e nuove strategie di affidamento dentro un’insicurezza ontologica nativa della computazione e della programmazione? Perché, ad esempio, le pratiche di cyberinsurance, di assicurazione informatica, storicamente adottate sembrerebbero non funzionare come argomenta Wolff in Cyberinsurance Policy? Di quale innovazione culturale abbiamo ancora bisogno per poter mitigare al meglio i rischi sociali (tra collassi e attacchi) connessi alla fiducia computazionale? (Accoto 2022) 

Fallibilità e vulnerabilità del codice (Accoto 2022)

“Tra cyberguerra e cyberpace, esiste una qualche esperienza della programmazione che possa dirsi e farsi sicura? E se, dunque, non esiste alcuna programmazione che possa farsi sicura e possa dirsi al sicuro, che cosa rappresenta filosoficamente questa insicurezza ontologica? Possiamo considerare ad es. gli attacchi alle forme della scrittura della nostra contemporaneità (alla programmazione) un’innovativa forma contemporanea di decostruzione filosofica? Semplificando, se consideriamo la programmazione, il codice e i programmi software la forma particolare di scrittura del nostro presente, allora la guerra informatica, nelle sue varie e cangianti forme, può rappresentare una sorta di contemporanea filosofia decostruttiva operata con altri mezzi? Come per i processi decostruttivi filosofici più tradizionali la guerra informatica (ma non solo essa) replica una specifica logica: attacca una testualità, dice Justin Joque. In questo caso quella della programmazione. Un attacco al testo-codice, non più al testo-libro. Se consideriamo le linee di codice che reggono la nostra società come razionalità testualizzata, allora un’intrusione dentro quella scrittura è un atto di scardinamento filosofico-decostruttivo del nostro reale. Ma insieme agli attacchi esogeni, le vulnerabilità di questa nuova scrittura-codice del mondo sono però anche costitutive e connaturate. Così, ad esempio, le operazioni di rifattorizzazione del codice sono chiamate a rivelarne l’intricatezza nascosta e a rimediare alla sua degradazione nel tempo e nella scala. Speculativamente e operativamente il refactoring del software è una pratica arrischiata e vitale, indesiderata e inevitabile al tempo stesso. È evocata a preservare la familiarità umana con un codebase ingigantito da servizi e applicazioni riducendone la complessità non necessaria ed aumentandone la performatività (senza mettere a rischio il suo funzionamento, ad es., svegliando bug dormienti tra milioni di linee di codice). In qualche misura, è esperienza ed esercizio di introspezione macchinica, insieme confessionale e penitenziale. Questa ristrutturazione del codice esistente (re-factoring), dunque, si fa carico della leggibilità degradante della scrittura/fabbrica vivente del mondo. Più filosoficamente, il refactoring avverte e affronta, dunque, il rischio della programmazione (del coding) come scrittura degradabile e indecifrabile del mondo. Dunque, un rischio interno di fallibilità (fallibility) e uno esterno di vulnerabilità (vulnerability). Una scrittura che rischia, dunque, l’essere del mondo. Saper leggere questa (degrazione della) nuova scrittura vivente del mondo richiederà uno sforzo di simulazione ingegneristica tanto quanto di speculazione filosofica. Perché il software non è solo un asset, ma una liability. In guerra e in pace” (Accoto, 2022)