Refactoring o della ri/scrittura del mondo (Accoto 20209

“Le operazioni di rifattorizzazione del codice sono chiamate a rivelarne la complessità nascosta e a rimediare alla sua degradazione nel tempo e nella scala. Così, il refactoring del software è chiamato ad una pratica arrischiata quanto vitale, al contempo indesiderata e inevitabile. Preservare la familiarità umana con un codebase ingigantito da servizi e applicazioni riducendone la complessità non necessaria ed aumentandone la performatività operativa senza svegliare bug dormienti. In qualche misura, è esperienza ed esercizio di introspezione macchinale, insieme confessionale e penitenziale. Dunque, questa ristrutturazione del codice esistente (il re-factoring) si fa carico della leggibilità degradante della scrittura-fabbrica vivente del mondo. Più filosoficamente, il refactoring avverte e affronta il rischio della programmazione (coding) come scrittura degradabile e indecifrabile del mondo. Saper leggere questa (degrazione della) nuova scrittura vivente del mondo, allora, richiederà uno sforzo di simulazione ingegneristica tanto quanto di speculazione filosofica” (Accoto 2020)

Published by

Cosimo Accoto

Connection Science Fellow at MIT | Author "Il Mondo Dato" (Egea) | Philosopher-in-Residence | Business Innovation Advisor | www.cosimoaccoto.com